La frutta nella primavera 2020

 

È già iniziata la raccolta della frutta estiva

 

Orogel Fresco sta già provvedendo alla raccolta della frutta estiva a nocciolo, come albicocche, ciliegie e nettarine. Purtroppo, attraverso le parole di Vincenzo Finelli, possiamo ricostruire anche in questo caso come le continue mutazioni climatiche stiano sfalsando le più tradizionali epoche di maturazione:

 

«Stiamo raccogliendo le albicocche contemporaneamente in Emilia Romagna, Puglia e Basilicata. Probabilmente l’Emilia Romagna, a seguito di una straordinaria mancanza di produzione e di una stagione secca, ha portato alcuni impianti in determinati territori a maturare circa 7-10 gg prima del solito. Contestualmente in Basilicata le varietà precoci tipo Mogador hanno circa 7-8 giorni di ritardo.»

 

Procede inoltre la raccolta e la commercializzazione delle fragole della Romagna. Dopo un inizio di stagione molto difficile, causato in modo particolare dalla presenza nei punti vendita di prodotti originari della Puglia e della Campania, stanno spuntando al momento dei prezzi interessanti.

 

La campagna estiva non si preannuncia semplice

 

Complessivamente, per il settore della frutta, si prospetta una campagna estiva complessa. Deve tenere conto, infatti, della forte flessione della produzione e delle continue incertezze che rendono instabili i mercati. I mercati generali si stanno riprendendo molto lentamente, complice la lenta ripartenza del turismo e di tutta la ristorazione collettiva.

 

Secondo Finelli, «se la frequenza di acquisto dovesse mantenersi come l’attuale, nonostante lo sblocco della mobilità, sarà inevitabile registrare una flessione delle vendite».

 

La situazione emergenziale ancora in atto e la propensione del consumatore a tornare sul punto vendita non più ogni due o tre giorni, come in precedenza, fa sì che una vastissima gamma di prodotti altamente deperibili, quali fragole, ciliegie, albicocche, nettarine, frutti di bosco, rimarrà invenduta sui banchi dei punti vendita.

 

Il maltempo e la concorrenza spagnola 

 

Alla mancanza di produzione, in maniera particolare in Emilia Romagna, si aggiunge la concorrenza agguerrita con le produzioni spagnole, che stanno già arrivando in tutta Europa con prezzi straordinariamente bassi.

 

Anche se una forte grandinata sembra aver compromesso in particolare la produzione di arance e kaki, il maltempo in Spagna ha colpito anche la frutta a nocciolo limitatamente alle zone dove si producono le varietà precoci.

 

Il mercato non è però ancora in grado di capire se queste calamità atmosferiche provocheranno una risalita dei prezzi di vendita, tanto per la merce spagnola quanto, di riflesso, per quella italiana.

 

Frutta bio a Corporeno

 

Intanto, Orogel Fresco continua a guardare alla qualità e all'efficienza delle produzioni, e allo stesso tempo alla massima garanzia del lavoro dei soci:

 

«Quest’anno inizieremo il confezionamento della frutta biologica nello stabilimento di Corporeno. Il magazzino è specializzato per la sola lavorazione di frutta bio: richiesta inderogabile per poter servire alcuni clienti, sia italiani sia tedeschi». 

Per contattare Orogel Fresco compila il form sottostante con la Tua richiesta.

Grazie per averci contattato.
Un nostro responsabile ti risponderà ai recapiti indicati il prima possibile.
Pere